L’alimentazione in dolce attesa: i rischi microbiologici durante la gravidanza

Mangiare alimenti sicuri è importante per la salute di tutti, ma lo è ancora di più per alcune categorie di persone maggiormente sensibili. Una di queste categorie è rappresentata dalle donne in gravidanza.

Infatti dopo il concepimento nel corpo della donna iniziano dei cambiamenti che la possono rendere più vulnerabile, esponendola maggiormente alla possibilità di contrarre malattie a trasmissione alimentare.

In questi casi non è a rischio soltanto la salute della madre, ma anche quella del bambino: alcune di queste malattie possono comportare severe conseguenze anche per il feto compromettendone il normale sviluppo.

alimentigravidanza.it

«Alimenti & Gravidanza» (www.alimentigravidanza.it) è un sito web in cui è possibile approfondire la conoscenza dei principali patogeni trasmessi dagli alimenti che mettono a rischio la futura mamma e il suo bambino. Il portale raccoglie tutte le indicazioni da seguire per evitarli durante l’alimentazione in gravidanza.

I rischi microbiologici

I rischi più probabili legati all’alimentazione per la salute della madre e del feto sono rischi biologici, ovvero derivanti da batteri, parassiti e virus che possonoa contaminare gli alimenti.

I patogeni più pericolosi per il feto sono in particolare ToxoplasmaListeria, Salmonella, Campylobacter, Escherichia coli, virus dell’Epatite A e norovirus.

Nella maggior parte dei casi le conseguenze più gravi derivanti dalla presenza di questi patogeni sono date generalmente da parto prematuro, morte fetale e aborto.

Alcuni patogeni, invece, si caratterizzano per la comparsa di specifiche conseguenze: è il caso di Toxoplasma gondii, che può causare malformazioni o gravi lesioni cerebrali del feto.

Cosa fare per ridurre questi rischi?

Le donne in gravidanza possono ridurre i rischi biologici dell’alimentazione adottando alcuni semplici accorgimenti. Devono infatti:

  • evitare il consumo di alimenti crudi o poco cotti, in particolare di alcune tipologie (frutta e verdura, carne e insaccati, pesce e frutti di mare, formaggi molli derivanti da latte crudo);
  • prestare attenzione alle modalità di preparazione, conservazione e consumo degli alimenti, adottando buone pratiche igienico-sanitarie.

L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie ha realizzato il sito web Alimenti & Gravidanza, un portale in cui è possibile approfondire la conoscenza dei principali patogeni che mettono a rischio la futura mamma e il suo bambino, e che raccoglie tutte le indicazioni da seguire per evitarli durante l’alimentazione in gravidanza.

Vai a Alimenti & Gravidanza »

Visita www.alimentigravidanza.it e condividi il link con i tuoi contatti!

Nessun commento a "L'alimentazione in dolce attesa: i rischi microbiologici durante la gravidanza"

    Commenta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.